22 gennaio 2016

Metro C, tra guasti e buone (o cattive?) notizie

Metro C, nuova linea vecchi problemi. Tra Pantano e Alessandrino (V Municipio 5) è avvenuto un guasto, cosa che ha comportato l'utilizzo di una navetta dalla periferia per poi utilizzare i treni in direzione Lodi.

Metro C: work in progress. Foto di Bruno via Flickr su licenza Creative Commons 2.0

In poco più di un anno la terza linea metropolitana di Roma (per ora seconda e mezza...) ha già accumulato guasti di vario tipo, compreso un cancello di ingresso alla stazione Alessandrino. Ora risulta un problema tra Pantano e Grotte Celoni che ha costretto gli utenti a dover cambiare treno per proseguire. Il blog Il trenino Roma Lido informa che "stando alle segnalazioni il servizio risulta diviso in due per guasto agli scambi della stazione Grotte Celoni" e che "la frequenza dei passaggi a 6 minuti verrà estesa tra Lodi e Grotte Celoni. I disagi odierni sulla linea sono dovuti ai lavori sui sistemi di temporizzazione che vanno variati in vista di questa modifica".



Che in sé racchiude sia una cattiva che una buona notizia. La notizia positiva è l'aumento delle frerquenze dei treni della metro C anche per la periferia. Se non fosse che i problemi già segnalati su Notizie V Municipio si stanno aggravando, considerando che la possibilità di un allungamento dei tempi della realizzazione della fermata San Giovanni, la vera (piccola) svolta per la Metro C di Roma, ormai si sta tramutando in certezza.

Aggiungiamo la riduzione del trenino ex Termini-Giardinetti a Centocelle, lo spacchettamento del vecchio 105 in due bus con alte attese e la metro B con attese anche superiori ai 10 minuti (senza indicazioni di problemi sulla linea né di tempi di arrivo dei convogli ad alcune fermate come Ponte Mammolo) e la frittata è fatta. Forse proprio per questo scenario si sta decidendo di dare fiato al quadrante casilina con una maggior frequenza della metro. Che però porta a via La Spezia, dove si può prendere il bus 51 per impegare lo stesso tempo per arrivare a San Giovanni che a piedi, oppure a Pigneto prendere il 50 che va a Termini con frequenze non adeguate.