11 gennaio 2016

Quartiere Alessandrino nel degrado. Il V Municipio batta un colpo

Quartiere Alessandrino, V Municipio di Roma, servono soluzioni al degrado. Una volta era noto come Borgata Alessandrina (e c'è ancora chi usa questo termine nonostante sia un quartiere della città a tutti gli effetti). Con il tempo sono arrivate case e strade a ridurre il verde della campagna. E con esse anche sporco e degrado. Che persistono sempre di più per le difficoltà economiche e organizzative, a volte per negligenza.
  
Aggiornamento 24 gennaio


"Un nostro associato ci manda questa foto importante, che testimonia la riapertura di Via del Fosso di Centocelle, angolo Via degli Olmi. Quindi lavori ultimati all'Acquedotto Alessandrino, da parte dei Beni Culturali" annuncia Luigi Panetta su Facebook, aggiungendo: "Ora ci aspettiamo la presa in carico da parte dell'Assessorato diretto da Michela Di Biase ( Di Biase è presidente commissione cultura di Roma Capitale, ndr), per la conservazione del Monumento e annessa pulizia e implementazione dell'illuminazione pubblica alle sue spalle, questo come da nostre innumerevoli richieste inviate da qui ad 8 anni indietro".

Quartiere Alessandrino, degrado V Municipio: AGGIORNAMENTO 15 gennaio

Si attiva la cittadinanza contro il degrado: sabato 30 gennaio dalle ore 10 si farà la pulizia di piazza dell'Acquedotto alessandrino, così è stato scritto su un gruppo Facebook del quartiere. Si invitano abitanti e cittadini a partecipare alla giornata di decoro.

Acquedotto Alessandrino di Roma, particolare. Foto di Luigi Panetta


Le feste natalizie non hanno allontanato lo sguardo di alcuni cittadini che continuano a segnalare le situazioni di degrado e le questioni da risolvere. Così sta facendo il gruppo dell'Associazione Alessandrino oggi e dintorni attraverso facebook. Da giorni un tratto del viale principale del quartiere non ha illuminazione notturna. "Facciamo una fiaccolata di protesta?" conclude sprezzante il commento Luigi Panetta, che denuncia come il tratto di viale Alessandrino tra via dei Meli e via degli Olmi sia al buio. "Sarebbe anche il caso di far potare gli alberi" commenta una signora, "anche se i lampioni fossero accesi l'illuminazione è sempre scarsa perché coperta dai rami degli alberi". 

Un moncone di tronco di un alberello. Quartiere Alessandrino. Foto di Luigi Panetta

Situazione che lo stesso Panetta fa presente: "L'illuminazione è assolutamente insufficiente lungo tutta la strada, inoltre due lampioni sono spenti, da oramai diversi giorni il tratto via degli Olmi via dei Meli è letteralmente al buio. Gli alberi , quelli che sono rimasti, andrebbero potati per fare più luce".


Quartiere Alessandrino, via del Campo al buio. Foto: Luigi Panetta


Le richieste fatte dall'associazione del quartiere Alessandrino all'assessore ai Lavori Pubblici del V Municipio 5 Stefano Veglianti  non finiscono qui. Risistemare i marciapiedi e risistemare le alberature ad esempio, ormai sempre più un ricordo del passato, perché "molti alberi sono spezzati e sono rimasti solo tronconi a terra", come le foto pubblicate su Facebook denunciano. Veglianti si è reso disponibile a segnalare il disguido tramite il gruppo facebook di Alessandrino oggi e dintorni, accennando anche a una riqualificazione del viale.

"Per segnalare disservizi Acea e la mancanza dell'illuminazione pubblica nelle strade del nostro V Municipio, potete comunque telefonare al numero verde da fisso 800130336 oppure il numero da cellulare 06 45400396 digitare il tasto 2", così segnala Panetta su Facebook.

Acquedotto Alessandrino, il cantiere. Foto di Luigi Panetta


Senza contare la situazione legata all'Acquedotto Alessandrino, che ha già visto dei lavori di restauro/manutenzione e l'intervento nel tratto dell'acquedotto Alessandrino a Centocelle di alcuni volontari con Legambiente. "È passato quasi un mese da quando sono stati tolti i ponteggi, ma Via del Fosso (di Centocelle, ndr), strada molto importante per la viabilità è ancora chiusa al traffico, i disagi continuano....Municipio dove sei?" si chiede Luigi Panetta.

Da tener conto il fatto che l'aver rimesso la segnaletica verticale induce i guidatori a svoltare a destra proprio su via del Fosso di Centocelle a causa della scarsa illuminazione sotto l'arco, rischiando in questo modo la collisione con ciò che resta del cantiere. Una situazione a cui bisogna porre rimedio prima di un incidente.

Concludiamo questo dossier di quartiere con il laghetto del parco Palatucci, che sembra non avere pace. Gli ultimi mesi li ha passati tra allagamenti del percorso lato via delle Nespole e semisvuotamento del laghetto causa rottura di un tubo. Con il quasi svuotamento è arrivata un'azione di volontariato di riempimento di acqua, che non ha potuto risolvere il problema. Poi un intervento, dopo il blocco degli appalti per colpa di mafia capitale, sembrava aver risolto la situazione e ridato la dignità al lago. Che però vede nei dintorni un nuovo allagamento (ecco le foto). L'augurio è che appena possibile si risolva una volta per tutte questo inconveniente, essendo il laghetto vicino alla chiesa Dio padre misericordioso di Meyer a Tor Tre Teste, chiesa che probabilmente verrà visitata dai pellegrini durante il Giubileo straordinario.