31 ottobre 2016

Contest video sul V Municipio: online ottime opere da guardare con gusto

Il V Municipio di Roma Capitale ha dato l'opportunità a videomaker di sprigionare la creatività partecipando a un video contest che racconti il Quinto Municipio attraverso cortometraggi, video musicali, video arte. L'assessorato alla Cultura del Municipio Cinque (direzione socio educativa di viale palmiro togliatti 983) ha proposto la Call for artist 2016 con hashtag #CallVMunicipioRoma. Tra le opere ce ne sono molte interessanti che invitiamo a guardare: il V Municipio si dimostra anche una concentrazione di energie artistiche, come nel caso di questi video e dei murales realizzati in alcuni quartieri del Quinto Municipio.
Immagine da facebook.com/notes/roma-comune/contest-video-call-for-artist-2016-callvmunicipioroma/1182654108468827

Call for artist V Municipio, i finalisti del video contest

Abbiamo fatto una selezione di tre dei video finalisti,  anche se non sono stati scelti in quanto "migliori" ma perché ritenuti meritevoli di menzione per motivi differenti.

Video fra i palazzetti e la street art del Quadraro vecchio. Tipo: video musicale


Tecnica e stile: Pixel Art. Tipo: Video Art.


Docenti e studenti della classe III A della scuola G. Verga dell'I.C. Largo Cocconi danno parola ai problemi sociali presenti a Centocelle. Tipo video: cortometraggi

Tutti i video finalisti del contest video:
In equilibrio
di Alessandra Noce
https://www.youtube.com/watch?v=fX_WhJyqWjM

Roma V
di Phaim Bhuiyan
https://vimeo.com/193600631

Nido Vuoto
di Alessia Barbieri Pomposelli
https://www.youtube.com/watch?v=Qav1o3HDIMc

Citizen 06
di Pamilua
https://youtu.be/Mt2DPoCu5fU

Electrum in Vulgo
di Mariateresa Sammarco
http://youtu.be/mhHweOP9wlU

Centocelle school of worLds Esplorando la periferia di Roma
di Pomerium ONLUS
https://youtu.be/SzDvSpA3HW4

Prima Volta
di Myrice Tansini
https://www.youtube.com/watch?v=5wzwX2yLgFg&feature=youtu.be

Centocelle short
di Marco Stazi
https://youtu.be/S2cLJTjTcjE

Daje Giù feat. Luca D'Aversa
di ONO
https://www.youtube.com/watch?v=vC-1DilnwP8

le Streghe
di Bue
https://youtu.be/BmFtcBESRLc

White techno
di Roberto Di Vito
https://www.youtube.com/watch?v=fHUklkibYXs

La Passante
di Cristina Ducci
https://vimeo.com/192694932

Fun Fun Boogie
di Big Mountain County
https://youtu.be/yf1WCIwfJfc

La Ricerca
di AlessandroCives
https://youtu.be/XkLmIVF7UE4

Centocelle
di Paolo Morra
https://www.youtube.com/watch?v=77qN6drWiCs

L'ex Borghetto Prenestino e le case popolari di Villa Gordiani
di Sguardoingiro Roma
https://youtu.be/UXWsrVx3I_g

Mausoleo Sant'Elena
di Alice Frigo
https://youtu.be/bUGbwVy2J_I

L'ispirazione del contest video del V Municipio di Roma

I temi su cui devono ruotare le videoclip sono i tesori archeologici storici, architettonici e paesaggistici, anche la memoria cinematografica di zone divenute set naturali per il cinema, le culture ed etnie formatasi negli ultimi anni nei quartieri del Municipio 5.
 


Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sugli eventi culturali del Municipio 5 di Roma


28 ottobre 2016

Terremoto, V municipio di Roma avanguardia nel monitoraggio degli edifici

Il V Municipio 5 di Roma è monitorato da un nuovo sistema per il controllo della stabilità degli edifici e dei terreni. Una notizia importante e rassicurante, visto che le nuove rilevazioni sismiche di Ingv hanno aumentato le percentuali di rischio legate a un evento come un terrmoto in alcune zone del Municipio V.



Il terremoto del 30 ottobre di una magnitudo intorno a 6.5 gradi scala Richter, con scosse sentite vivamente anche a Roma, ha creato qualche problema anche ad alcuni edifici nella capitale. Così come quello del 26 ottobre, che ha coinvolto anche alcune scuole.

Dopo la scossa sismica nella Capitale le metro A, B/B1 sono state chiuse per accertamenti tecnici mentre la C ha subito rallentamenti per lo stesso motivo.


Tornando di attualità il tema della stabilità di edifici e terreni diventa ancora più importante parlare del nuovo progetto attivato nel V municipio 5 di Roma per la lotta al dissesto idrogeologico.

Il lavoro svolto nel V municipio nell'arco di pochi mesi ha permesso di creare una banca dati di quasi 20mila fabbricati. Un progetto nato in accordo con la facoltà di ingegneria dell'università La Sapienza e la Protezione civile di Roma, nell'ambito di un progetto europeo e totalmente finanziato dall'Unione europea.



Come funziona


Il progetto prevede tramite tecnologia satellitare di valutare nel tempo gli edifici e i movimenti del terreno. Questo favorisce azioni di prevenzione da parte della Protezione civile.

Il V Municipio è stato scelto a causa delle criticità legate ad alcune cavità sotterranee e aree potenzialmente soggette a frane. Il progetto ha permesso una mappattura con la scala delle aree più a rischio.

La questione fu affrontata dalla precedente giunta municipale, dopo alcuni problemi legati alla stabilità dei terreni sottostanti alcune abitazioni, come a Torpignattara e Quadraro.




Il progetto I.MODI


I.MODI è cofinanziato dal programma Orizzonte 2020 dell'Unione europea: sfrutta i dati di Osservazione della Terra per sviluppare servizi personalizzati per il monitoraggio della stabilità di edifici in grandi aree urbane e per il controllo di infrastrutture civili critiche.

Un rilevante impatto socio-economico per predisporre piani di manutenzione mirati e per garantire la salvaguardia e la sicurezza della popolazione.

Link alla conferenza stampa dei risultati del progetto I.MODI

per info più tecniche su I.MODI: www.geoforall.it/k9fhc


Ultimo aggiornamento: 4/11/2016
Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sul Municipio 5 di Roma

Quartiere Alessandrino, video di Halloween 2016 con la strega Monnezza

Halloween 2016 al quartiere Alessandrino di Roma: l'ex borgata nel V Municipio 5 ha ospitato la seconda edizione della festa importata dagli Stati Uniti molto apprezzata dai bambini golosoni di caramelle e dolci.



Halloween al quartiere Alessandrino di Roma nel Municipio Cinque

Il 31 ottobre 2016 il quartiere si è popolato di mostriciattoli, streghette e piccoli volti animaleschi pronti a urlare il classico "dolcetto-scherzetto" ai negozi del quartiere. La ciurma numerosa si è fatta trovare pronta alle 16:30 davanti alla scuola Guglielmo Marconi dove i bambini hanno fatto conoscenza con la famigerata strega Monnezza.

"Poiché Halloween non è proprio una festa della nostra tradizione, quest'anno il comitato di quartiere Alessandrino, l'associazione Città alessandrina e il Centro di iniziativa popolare hanno deciso di utilizzare la giornata di Halloween come pretesto per sensibilizzare gli abitanti del quartiere al grande problema del degrado cittadino" scrivono sulla locandina dell'evento, sforzo che va apprezzato anche perché rivolto verso i bambini, che sono il futuro dei nostri quartieri.


Ma questa brutta favola ha un lieto fine: "Il degrado dovuto a un terribile sortilegio di una strega cattiva verrà sconfitto grazie al ritrovamento di un antidoto magico". Dopo la raccolta di caramelle le famiglie con i pargoli mostruosi al seguito si sono ritrovate a piazza dell'Acquedotto Alessandrino, dove c'è stata una festa con giochi per bambini e la musica della tradizione popolare. Cliliegina sulla torta: un'estrazione finale di due "bici mostro".

L'evento di Halloween nel Quinto Municipio 5 al quartiere Alessandrino è stato realizzato in collaborazione con la compagnia teatrale Miscele Attive, il liceo classico Benedetto da Norcia, la ciclofficina delle Ciliegie.


Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sul Municipio 5 di Roma

05 ottobre 2016

Centocelle, cani e gatti sgomberati dal rifugio andranno al canile.

Sgomberati cani e gatti come fossero sotto sfratto. È accaduto la mattina del 5 ottobre nel V Municipio 5 di Roma, a via Romolo Lombardi zona Casilino 23/Centocelle, al rifugio per animali Tana Libero Tutti.

Foto "Cane e gatto [Rex e Ciccio]" di Notoriusxl via Flickr su licenza Creative Commons SA BY 2.0


Le persone volontarie che hanno gestito il rifugio sono rimaste spiazzate e si sono un po' agitate all'arrivo della polizia di Roma Capitale.

Qui anche un video in cui si mosra lo stato di salute degli animali prima di essere portati via. Sulla pagina c'è stato anche un aggiornamento della situazione: "I cani hanno tutti trovato stallo, i gatti hanno ancora bisogno ma hanno comunque una sistemazione temporanea. Lo sgombero è stato effettuato in poco tempo, Angelica e Angela sono sconvolte, fisicamente e, ancor di più, emotivamente. Stanno cercando di sistemare al meglio gli animali per evitare la minaccia del canile. Non è stata concessa loro nessuna proroga (...) Si sgombera senza alcun preavviso una realtà funzionate, che si è sostituita per anni alle mancanze delle istituzioni, facendo subire ad animali recuperati da situazioni di disagio uno stress deleterio per la loro salute".

Il teatro Tenda, ci è stato spiegato, si trova nel Quinto V Municipio ed è stato chiuso dopo l'incidente in cui è morto un uomo. Da li, per evitare che venisse occupato, le volontarie di zona, che da anni si sono occupate con le loro uniche forze di cani e gatti in difficoltà, hanno iniziato a usarlo come ricovero per animali senza casa, feriti, malati.

Hanno iniziato a riqualificarlo ripulendo e creando delle stanzette per gatti, con tanto di giardino esterno con rete, e per cani. Gli animali sono tutti vaccinati, chippati, spulciati, sfamati. Cercano di farli adottare e finora ne hanno fatti adottare a centinaia.

Ma la loro situazione è sempre stata precaria perché di fatto sono abusive, in più li ci si è stabilita anche una famiglia rom.

Problemi che hanno portato al blitz (aggiornamento 6 ottobre)


La zona, come altre nel V Municipio Cinque e a Roma, ha vissuto anche problemi come roghi nati probabilmente per estrarre metalli dai cavi e che hanno provocato la diffusione di diossina. In più, l'arrivo degli amici a quattro zampe ha portato anche qualche esternalità negativa, come ad esempio momenti di abbaiare rumoroso.

Tutto questo non è stato gradito dagli abitanti del quartiere che hanno fatto varie segnalazioni. L'arrivo di Polizia e Polizia locale ha portato allo sgombero dell'area. Il destino di cani e gatti sembra quello di finire in un canile, pare quello della Muratella, dove si spera si riesca ad accudirli visti dei problemi degli ultimi tempi legati alla gestione dei canili.

02 ottobre 2016

Legambiente e moschea insieme per pulire l'Acquedotto nel V Municipio a Centocelle

Acquedotto Alessandrino a Centocelle di nuovo pulito. L'impegno dello scorso anno del circolo Città futura di Legambiente e dell'Associazione culturale islamica di Centocelle si è rinnovato anche quest'anno e ha portato i suoi frutti. Se n'era occupato il blog Nuova Repubblica, descrivendo un'iniziativa che alla sua seconda edizione ha portato con sé molta attenzione.



Infatti questa volta l'iniziativa di pulizia di un tratto dell'Acquedotto Alessandrino a via dei Pioppi, arrivata in concomitanza con Puliamo il mondo, ha avuto l'appoggio dell'assessore all'Ambiente Paola Muraro, di quello municipale Emilio Giacomi e del presidente del V municipio 5 Giovanni Boccuzzi. Presenti per Legambiente Ermete Realacci che oltre ad essere parlamentare è anche presidente onorario dell'associazione, il vice presidente Edoardo Zanchini, il direttore generale Stefano Ciafani e il presidente di Legambiente Lazio Roberto Scacchi. 

Sono stati raccolti più di 150 sacchi di immondizia e liberato il  monumento dagli infestanti.
Un grande lavoro di squadra, che ha visto all'opera anche i volontari delle Guardie per
l’Ambiente,   dell’Associazione   “100   e   A   Capo”,   dell’Associazione   “Sguardoingiro”   e
dell’Associazione “La Strada”, e gli Scout Avventisti (AISA)

“Con questa   iniziativa   rilanciamo  la richiesta  di   adozione di  questa   porzione   di Acquedotto a favore delle persone, ma gestita dalla Comunità Islamica, per toglierla dal   degrado”,  interviene   Amedeo   Trolese, presidente   del   Circolo   Città   Futura di Legambiente,  “ma chiediamo anche  che  si avvii una  nuova  stagione di recupero, riqualificazione e allargamento dell’importantissimo   patrimonio   di   verde   del Municipio V, a partire dai 120 ettari del Parco di Centocelle abbandonato al degrado e quasi chiuso al pubblico” .

Anche la televisione si è occupata del lodevole gesto intriso di volontariato e integrazione avvenuto nel quinto municipio di Roma, grazie all'interesse di Ambiente Italia, programma che rischia purtroppo la chiusura dopo tanti anni in cui ha fatto informazione sull'ambiente su Rai 3.