30 novembre 2016

Parco di Centocelle, un'ottima soluzione per entrare e uscire in sicurezza


Aperta nuova entrata del Parco di Centocelle al civico 706, proprio in occasione della Marcia nazionale degli alberi 2016 che si è svolta nel V Municipio 5 di Roma in corrispondenza con una bella pedalata: una soluzione che risolverà alcuni problemi per pedoni e ciclisti. "Grazie alla collaborazione intrapresa tra la Comunità per il Parco Pubblico di Centocelle e il bar La Fattoria viene superato il problema della mancanza di accessi pedonali al Parco di Centocelle. Dal civico 706 sarà possibile accedere direttamente al Parco sia a piedi che in bici e si potrà altresì usufruire dei servizi di ristoro, ludici e igienici, garantiti dalla Fattoria. Si ringrazia l'Assessorato Ambiente e la Presidenza della commissione Ambiente del V Municipio per aver avallato le nostre richieste. Presto si andrà a regime con l'opportuna cartellonistica", questo scrive su Facebook la Comunità per il Parco di Centocelle, che invita tutti i cittadini a mantenere pulito il verde del parco del quartiere del Quinto Municipio.
L'ingresso del civico 706, attiguo a quello del bar La Fattoria, è ora una nuova entrata al parco di Centocelle.
Foto: Comunità per il parco pubblico di Centocelle, collage: NotizieVMunicipio.
Sarebbe una buona notizia e un primo passo verso le aperture verso Quadraro Vecchio e verso via Papiria, per rendere il parco anche luogo di passaggio di pedoni e soprattutto ciclisti, soprattutto in prospettiva della realizzazione del Grab.

Centocelle doveva veder nascere addirittura un parco archeologico, invece il degrado sembra abbia preso il sopravvento. Anche l'area del parcheggio, dopo gli "sfasciacarrozze", crea disagio alla zona. Ci sono delle iniziative di associazioni locali e di cittadini per riappropriarsi di questa area verde ma le istituzioni latitano, nonostante i lavori che stanno interesando in questi anni il parco.
Entrata parco di Centocelle, V Municipio 5, Roma. Da qui non si può più uscire.
L'ultima notizia riguarda i problemi legati al parcheggio. Il civico 712 di via Casilina fu bloccato a luglio 2016 con grossi blocchi di cemento dopo l'ordinanza del Gruppo Casilino del Corpo della Polizia di Roma Capitale. Il motivo è il problema di viabilità che causa uscire dallo stesso cancello, come documentano le foto rilasciate dal circolo Città Futura di Legambiente V Municipio.

Inizialmente i blocchi avevano addirittura interdetto l'accesso alle auto, come dimostrano questo foto di Comunità Parco pubblico di Centocelle. Successivamente è stato deciso di permettere l'entrata da un lato e l'uscita dall'altro, al civico 730. Ma molti non rispettano le nuove regole, anche perché bisogna affrontare un bel tratto dentro al parco per riuscire.

Finendo poi per immettersi nella seconda corsia di marcia di via Casilina: una soluzione oltremodo pericolosa visto che, come riportato dal rilevatore di velocità, le vetture che provengono dalla corsia centrale viaggiano oltre i 50 km/h.

Questa situazione sta creando comunque problemi, al punto che a causa di automobili in uscita irregolare un camion è passato sul marciapiede (foto), una situazione di potenziale pericolo per pedoni e ciclisti, soprattutto bambini.

Vi lasciamo con le parole del Circolo Città Futura sulla questione:

"In questo modo diventano ben due gli ingressi non consentiti ai pedoni (civico 712 e 730), la scelta di farli transitare dal civico 760 anziché aiutare complica non poco la condizione. Questo ingresso, infatti, è molto distante dalle abitazioni e avendo delle scalette impedisce ai disabili di raggiungere il parco.
Siamo costretti di nuovo a denunciare lo stato indecente con cui viene gestita quest'importante area del nostro territorio che avrebbe tutti i criteri per essere nella entrare nella lista dei polmoni verdi più importanti della Capitale, grazie anche alla presenza di ritrovamenti archeologici di grande rilevanza storica.
Non resta che domandarci per l'ennesima volta: quando il Parco di Centocelle potrà, finalmente, diventare un luogo ben tenuto e frequentato da cittadini e - magari - chissà turisti - così da rendere gli abitanti del quartiere orgogliosi di questo loro piccolo patrimonio? Noi speriamo vivamente che questo sogno prima o poi si avveri!"



Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sul quartiere e il parco di Centocelle di Roma

29 novembre 2016

Le azioni dei cittadini per spostare i cantieri del parco Alessandrino-Tor tre teste

Aggiornamento 2 dicembre: Dopo un secondo incontro del Coordinamento per la difesa del parco Alessandrino-Tor tre teste al Cip di via delle Ciliegie per i lavori del centro sportivo Coni sono state portate due mozioni, una del consigliere Veglianti e una dei consiglieri  Piattoni, Belluzzi, Vece, Guadagno, Puliti (dopo le pressioni del Coordinamento e del Wwf Pigneto Prenestino) al Consiglio municipale armonizzate in una che, dopo un dibattito acceso delle forze politiche, sarebbe stato votato all'unanimità nel chiedere la sospensione dei lavori e spostare l'impianto all'altezza del sottopasso della Prenestina bis.
Venerdì 25 dalle ore 20 c'è stato un incontro del Coordinamento per la difesa del parco Alessandrino-Tor tre teste al Cip di via delle Ciliegie per i lavori del centro sportivo del Coni nel cosiddetto vallone. e per martedì 29 ne è previsto un altro, sempre alle ore 20.

Informa Alessandro Fiorillo del Wwf V Municipio: "Erano presenti, oltre agli attivisti del Coordinamento Popolare in Difesa del Parco Alessandrino, un consigliere e alcuni attivisti del M5S e un ex consigliere di maggioranza della passata consiliatura. Dalle lunghe discussioni affrontate è emersa una linea comune, logica e ragionevole, che è quella di chiedere a Dipartimento Tutela Ambientale e al Coni di spostare la realizzazione della struttura nell'area da riqualificare che coincide con il tombamento della Prenestina bis, salvaguardando l'area del Parco dove ora è aperto il cantiere (con i lavori provvisoriamente fermi)".
Il cantiere nel parco di Tor tre teste attualmente fermo. Foto © Eve Lina
Alcuni consiglieri di maggioranza avrebbero presentato un esposto tra le azioni proposte ci sono una mozione di giunta, un'ordinanza per bloccare i lavori da parte del presidente del Municipio.

Alcuni cittadini hanno ritirato fuori le affermazioni dell'ex consigliere municipale Di Cosmo e dell'ex assessore Rosi a favore dell'impianto:

Questo l'ha scritto David Di Cosmo sulla sua pagina fb il 21 luglio
Vi ricordate quando vi dicevo che ci sarebbe stato un intervento anche qualitativo sul parco? eccolo...è anche per questo motivo che cercavo affannatamente il posizionare di nuove aree "scorazzamento" grazie al coni e grazie al governo.
Il 21 luglio Alessandro Rosi sulla sua pagina fb scriveva questo
Il Governo Renzi ha avviato un piano di creazione di impianti sportivi nella periferia urbana.
Per questo motivo ieri nel Parco Alessandrino, il CONI ha inaugurato l'inizio dei lavori per la realizzazione entro quattro mesi di un'area per giocare a calcetto, basket, volley, piste per bmx, praticare l’arrampicata, ping pong, un percorso per fare attività fisica e tanti giochi per i bambini, dalle altalene agli scivoli.

Questo intervento è pensato per attivare uno sviluppo del nostro territorio e per favorire buone pratiche di comportamento sane per i cittadini, stimolando le attività sportive ed una vita maggiormente attiva.
Inoltre, è una opportunità importante per il CONI per raccontare ai cittadini di Roma l'importanza dello Sport e di come i Giochi Olimpici siano una vera occasione da sfruttare per potenziare la rete degli impianti sportivi nella nostra Città. Noi, in questo, li sosteniamo totalmente.
Al momento è arrivata la risposta di Di Cosmo sul suo post:
In risposta ai post nel quale vengo citato...
Grazie della pubblicità, il sottoscritto ha sempre sostenuto che è un bene che il governo, il coni e qualsiasi altro, stanziano dei fondi per le periferie.. Le attrezzature ed il progetto nel complesso sono utili al nostro parco....La questione oggi è....è sbagliata la collocazione, all'epoca non si è dato nessun assenso per quanto riguarda esattamente il luogo...Mentre nel mese di settembre la giunta a 5 stelle ed il dipartimento hanno avuto contatti in merito, infatti prima gli viene chiesto di spostare per valorizzare altri spazi in zona "stazione prenestina", quindi non curandosi minimamente del luogo scelto dal dip. Ambiente , poi quando si sono visti la risposta di diniego, di fatto gli è andata bene li dov'è...non negli atti, ma di conseguenza, perché non più di due letterine sono state trasmesse, quando la giuntan dovrebbe conoscere bene gli strumenti che ha.....a disposizione. Queste frasi che lasciano intendere un fine meno nobile da parte del sottoscritto sarebbero da risparmiare, in primis perché continuo un azione in favore dei luoghi che amo pur non facendo più l'amministratore locale, semplicemente dicendo la verità, a me fa ben sperare la reazione scomposta dei cinque stelle , nei miei confronti mi fa capire che sto lavorando bene e che se emergono degli enormi errori politici ed amministrativi da parte di chi dovrebbe governare...imparate a governare poi parlate degli altri...e lei signore non si deve permettere e peraltro non è la prima volta...Capra Capra Capra ... Perché vedete i cittadini mi conoscono e sanno che sono una persona per bene, mentre voi siete dei perfetti sconosciuti che insultano persone sui social ed in strada, lo credo bene che i cittadini si fanno un idea .. Be del resto il leader che idolatrate proprio ieri in piazza vi ha ricordato di votare di pencia senza usare il cervello, fa violenza verbale anche su di voi e nemmeno ve ne accorgete.....Vorrei ribadire il concetto e la mia posizione politica, di mesi fa e di oggi, Bene i fondi, bene il progetto , sbagliato il posizionamento

Le azioni promosse dal Coordinamento per il parco Alessandrino-Tor tre teste

Sono: creare informazione e documenti sulla battaglia, attivare differenti forme di mobilitazione, avvalersi di tecnici e specialisti per creare perizie autorevoli, dotarsi di un ufficio legale in grado di intervenire, fare pressioni su giunta e consiglio municipale, interloquire con le realtà del territorio per arrivare allo spostamento dei cantieri nell'area del tombamento della Prenestina bis.

"Noi abbiamo puntato in particolare a porre l'attenzione sulla questione paesaggistica - spiega Fiorillo del Wwf - leggendo quanto dice in proposito il Piano Territoriale Paesistico Regionale approvato nel 2007, che indica la zona del parco dove ora c'è il cantiere come "Paesaggio naturale di continuità".

Sull'area pare non ci sia un vero e proprio vincolo, ma la zona dove ora c'è il cantiere risulta area meritevole di tutela "e l'impianto del Coni in fase di realizzazione non è certo un 'intervento di recupero ambientale' ".

Anche nella mattinata di sabato il Coordinamento si è attivato direttamente nel parco Palatucci, lasciando la parola ai cittadini che volevano intervenire. Anche qui presente l'ex consigliere municipale David di Cosmo.

Il Wwf Pigneto-Prenestino vuole seguire, in coerenza con la sua missione ambientalista, lo svolgere degli eventi assieme al Coordinamento e ai cittadini interessati a tutelare il Parco di Tor Tre Teste, anche con azioni simboliche come piantare due alberelli di fico.

Qualcuno ha inoltre proposto di spostare l'impianto nel parco Bonafede all'Alessandrino, adiacente al parco Palatucci e abbandonato a se stesso. Bisognerebbe scoprire le carte tecniche del progetto dell'impianto e capire se sia compatibile con le dimensioni e la struttura di questo parchetto.


28 novembre 2016

Centocelle, dibattito dei parlamentari sul sì/no al referendum costituzionale del 4 dicembre

Referendum Costituzionale 2016 a Centocelle e V Municipio: il 4 dicembre votate SÌ o NO? Lunedì 28 novembre 2016 nella sede di via degli Abeti 12 del Partito democratico sono state illustrate sia le ragioni del sì che quelle del no con importanti esponenti nazionali del Pd: il senatore Massimo Mucchetti, il deputato Cesare Damiano, il senatore Miguel Gotor, il deputato Marco Miccoli, il senatore Carlo Pegorer, il deputato Umberto Marroni.
L'incontro a Centocelle sul referendum: da sinistra a destra Mucchetti, Miccoli, Marroni, Damiano, Gotor.
Foto di Umberto Marroni
Il partito Democratico di Centocelle ha realizzato anche una diretta Facebook per permettere anche a chi non ha partecipato di seguire il dibattito svolto con i parlamentari ospiti.


Breve spiegazione sul referendum costituzionale del  4 dicembre 2016


Il referendum è confermativo, chi vota SÌ conferma la riforma costituzionale fortemente voluta dal governo guidato dal Partito democratico, chi vota NO respinge la riforma. Votando a favore si approva l'esistenza della sola Camera dei deputati nel dare la Fiducia al governo, si riduce il numero di senatori e il loro compenso, nonché i loro compiti, in più si deciderà che non verranno più eletti dai cittadini ma in maniera indiretta e meno pluralista di come è ora. Si abolisce il Cnel e si modificano 47 articoli della Costituzione, un terzo del numero totale.

Polemiche sono sorte di fronte al linguaggio più complicato di alcuni articoli che verranno modificati, con molte parole, più tecniche e che rimandano ad altre leggi e regole non comprese nella Costituzione stessa.

Per saperne di più rimandiamo a questo articolo sulla riforma costituzionale sul blog Ego Politico su Linkiesta.

27 novembre 2016

Tor Pignattara protagonista con i video a Reaction Roma 2016

Un po' di Tor Pignattara alla videomostra di Reaction Roma 2016 al Macro di Testaccio, portando al centro del mondo dei video romani il V Municipio.

Foto © Reaction Roma

Cos'è Reaction Roma 2016


Reaction Roma è un progetto partecipativo che ha chiesto di produrre dei video da inviare in modo di realizzare dei corti in fase di montaggio. Tanti quartieri hanno partecipato, tra cui Torpignattara del V Municipio 5 e il video che potete vedere qui sotto in zona Marconi/San Paolo.



Torpignattara a Reaction Roma


Il quartiere del Quinto Municipio di Tor Pignattara ha contribuito con ben 50 video di cui ne sono stati selezionati 30 per un'installazione autonoma. Se siete curiosi potete andare al Macro a piazza Orazio Giustiniani, spazio Factory (il consiglio è di chiedere info) dove potrete vedere le installazioni fino al 3 dicembre 2016.


Un minuto del video "collettivo" di Tor Pignattara

Scrivono dal comitato di quartiere I love TorPigna: "Siamo orgogliosi, davvero. Tor Pignattara è una delle realtà di Roma che hanno contribuito più massicciamente all'appello di Reaction Roma (...). Ringraziamo i tantissimi cittadini che hanno partecipato a questa "raccolta video" e ringraziamo Pietro Jona per averci coinvolto. Sarà bello vedere Torpignattara raccontata con gli occhi di chi la vive, fuori dagli stereotipi, in prima persona. We ❤ TorPigna".

Torpignattara a Reaction Roma, parla l'ideatore del progetto


Abbiamo raggiunto Pietro Jona, ideatore progetto Reaction, per farci spiegare il progetto esposto a Roma al Macro di Testaccio.

"L'installazione è costruita esprimendo come reagisce la città. Nel caso di Tor Pignattara abbiamo dedicato uno spazio tutto suo perché è presente una realtà romana molto viva, costruttiva. Segno di un luogo dove c'è reazione e da dove può nascere ogni cosa, speriamo che sia contagioso.
L'idea dell'installazione era di rappresentare deserti, gli spazi vuoti, e le isole. Guardando i video ci è venuto in mente un animale che si muove dentro una gabbia, come i video  con un "movimento inceppato". Sono sempre immagini che non si fermano mai, come un animale che non riesce a uiscire. Forse con questo spirito ha vinto il video "Silence" di un ragazzo diciottenne.
Tor Pignattara è un esempio di una realtà dove non c'è questo movimento così inceppato. Una bella sorpresa perché c'è un approccio completamente diverso alla città, basta pensare all'esperienza del cinema America che ha dedicato tanta attenzione, come il cinema Impero, oppure i writers che non sono fine a se stessi per abbellire il quartiere ma anche per coinvolgere".

Reaction Roma 2016, progetto internazionale


Reaction Roma è un progetto di respiro internazionale con il supporto dell'Unesco, un'attività che vuole essere replicata come format per fotografare le città: l'idea è di andare a Madrid, Berlino e Amsterdam.  Più di un anno di lavoro in un momento in cui la città risulta sospesa ("e questo secondo me emerge" ci dice Jona), abbiamo creato l'isola di Torpignattara cercando di dare il senso di un luogo dove si costruisce, così è stato pensato in fase di montaggio. C'è poi la parte "Movimenti" che si basa su una "soggettiva bruta" (espressione utilizzata da Jona), c'è una parte dedicata alle "Materie" con una clip più elaborata con sovrapposizione di immagini, pittorica. Ci sono i contrasti di un drone che riprende Roma e uno che riprende Corviale. Il lavoro che rappresenta gli umani, ideato da Termini tv, progetto che in realtà racconta le stazioni di tutto il mondo: racconta le storie che accadono a Termini, un lavoro sull'attesa, così come attende la città. C'è poi il corridoio delle voci a cui ha partecipato l'Istituto Rossellini che è stato fondamentale per lo sviluppo del progetto.

26 novembre 2016

Foto e video cronaca - pedalata da Centocelle a Termini, foto-contest e alberi piantati

Il V Municipio in bicicletta per un percorso affrontato domenica tra Centocelle e la stazione Termini per un evento a cui parteciperanno ciclisti da tutta Roma con concorso fotografico "Roma senz'auto" organizzato da Salvaiciclisti, ritorno al parco archeologico di Centocelle. Il parco del Quinto Municipio è stato protagonista dell'evento legato alla Marcia nazionale degli alberi, durante il quale sono state messe a dimora alcune piante (qui la mappa del percorso a piedi a Centocelle). Il tutto dalle ore 10:00 alle ore 14:00.
Via Prenestina, altezza Porta Maggiore, momento senza auto.
Foto di NotizieVMunicipio su licenza Creative Commons CC BY SA 2.0
Arrivato al luogo di incontro c'era già un folto gruppo di persone pronte a cominciare la marcia con albero al seguito, per la maggior parte piante di leccio, da trasportare per il percorso stabilito fino al parco di Centocelle.
Piazza San Felice, V Municipio. Andate su www.salvailsuolo.it e firmate la petizione :)
Foto di NotizieVMunicipio su licenza Creative Commons CC BY SA 2.0
Siamo partiti verso le 10:25 e da piazza San Felice abbiamo raggiunto in bicicletta via Tor de' Schiavi, da lì su via Prenestina. Qualcuno già si era preparato una foto per il concorso fotografico Roma senz'auto di Salvaiciclisti, sfruttanto il semaforo rosso per farsi scattare una foto all'ingresso della tangenziale per un momento senza macchine in arrivo (ma non sarebbe bello destinare la sopraelevata per verde e percorso ciclopedonale?). Abbiamo partecipato anche noi al contest fotografico con una foto scattata in movimento.

Da lì a Porta Maggiore e per via Giolitti fino a piazza dei Cinquecento, il capolinea dei bus di Termini. Lì già arrivati bei gruppetti di ciclisti da tutta Roma, pronti a sfoderare macchine fotografiche e smartphone per ambire a finire sul calendario Sic #romasenzauto.


Lì ci siamo riuniti in gruppi municipali con delle persone che si sono assunte il compito di fare da referenti e da lì abbiamo percorso delle direttrici per trovare luoghi in cui scattare foto con bici ma in assenza di auto in movimento (qualcuno è riuscito a nascondere anche quelle parcheggiate). Il gruppo del V Municipio ha percorso via Casilina, assieme al VII Municipio che ha poi virato verso via del Mandrione. La ricca giornata ha portato alcuni di noi di nuovo al parco archeologico di Centocelle, dove la marcia era conclusa.


Gli organizzatori hanno creato un piccolo rinfresco con la banda a suonare. Appena arrivo mi giro e mi trovo accanto Ascanio Celestini. Salutato l'attore abbiamo continuato il percorso per arrivare al centro del parco, dove successivamente sono state messe a dimora le piante. 

Abbiamo raggiunto Giovanni Boccuzzi, presidente del Municipio Cinque di Roma, presente in forma privata tanto che inizialmente preferiva non rilasciare dichiarazioni. Poi però ci ha voluto dire di essere contento, come ecologista, di questa iniziativa al parco di Centocelle e la marcia degli alberi, che cercheranno di impegnarsi sul parco. Gli abbiamo poi accennato alla faccenda del parco Alessandrino-Tor tre teste, confermandoci l'attenzione e l'impegno a non fare il centro sportivo del Coni o quanto meno a spostarlo, come chiede il Coordinamento che vuole difendere il parco.




Basta cacche per strada: Legambiente pulisce una via e dà consigli per ridurre i rifiuti nel V Municipio

Gli attivisti di Legambiente circolo Città Futura hanno ripulito dagli escrementi dei cani un tratto di via Ferraironi e via Romolo Balzani, al Casilino 23 vicino Centocelle.

Lo avevano promesso come azione conclusiva nel V Municipio 5 della Settimana europea della riduzione dei rifiuti e lo hanno fatto. L'azione dallo slogan "Lui la fa, tu raccojila" serve per sensibilizzare i cittadini sui problemi che possono causare le deiezioni canine lasciate per strada, uno su tutti il rischio che altre persone le pestino, con conseguenze fastidiose che tutti possiamo immaginare (i marciapiedi di sera sulle strade alberate diventano un terno a lotto per non rischiare di vincere un "premio odoroso").
Gli attivisti di Legambiente Città Futura dopo aver pulito la via dalle deiezioni canine. Foto © Città Futura
"L'obiettivo era sia sensibilizzare i cittadini a raccogliere sia le amministrazioni, per capire cosa stanno facendo per evitare che ciò accada e se ci sono controlli/sanzioni" ci spiega Claudia Clemente, attivista del circolo di Legambiente del V Municipio, che ha anche promosso un metodo sostenibile per raccogliere gli escrementi: "Mi sono portata dietro dei sacchetti per le deiezioni canine biodegradabili, fatte con l'amido di mais. Li ho proposti ai possessori di cani, così si usa una cosa che si biodegrada, anziché usare la classica plastica. Anche perché abbiamo fatto delle campagne per eliminare le buste di plastica e nonostante tutto qualche attività persiste nel proporre le "vecchie" buste blu".


Il circolo Città Futura ci tiene a raccontare anche le altre attività svolte in questa Settimana europea per la riduzione rifiuti 2016: "Volevamo fare un'azione con un socio che rientra nella Serr, assieme a quella della coppetta mestruale, e una brochure dei negozi che vendono prodotti sfusi divisi per categorie. Legambiente ha anche lanciato un hashtag #iosballo con l'idea di fare una foto degli imballaggi più strani e assurdi".

I consigli per raccogliere deiezioni canine, escrementi e urine


Quindi, ricapitolando: portate con voi il vostro cane con guinzaglio, le buste possibilmente biodegradabili e una bottiglietta d'acqua per ripulire sia i resti delle feci sia le urine, un problema anche questo per le strade e i marciapiedi, soprattutto d'estate a causa dei forti odori e per motivi salutari. Grazie a chi contribuirà.

25 novembre 2016

No alla violenza sulle donne, il Pigneto grida vendetta

Nel giorno contro la violenza sulle donne il Pigneto si rende protagonista di un evento al cinema l'Aquila ma il quartiere del V Municipio grida anche vendetta sul tema.

È di poco tempo fa la notizia dello stupro di una cameriera aggredita dal proprietario di un ristorante al quartiere Pigneto. Una zona che, come può, cerca anche di attivarsi. Il 25 novembre 2013 ci fu l'iniziativa di donare un fiore alle donne che entravano nel locale Dar Ciriola, ultimamente passato alle cronache per problemi legati ai prodotti venduti.
Foto di Isabella Quintana via Pixabay

Pigneto rischia di perdere il centro anti violenza sulle donne

E pensare che il Pigneto ha un centro antiviolenza ma che non sa se avrà un futuro. Stiamo parlando del centro Dalia (Donne Autodeterminate Libere in Azione), nato nel 2013 a via del Pigneto 22 dopo aver operato per una prima fase negli spazi del consultario di piazza dei Condottieri. A giugno 2016 si viene a sapere del mancato rinnovo delle concessioni deciso dalla giunta del prefetto Tronca, che mette a rischio l'attività del D.a.l.i.a. assieme ad altre realtà contro la violenza sulle donne. Successivamente si è avuta una proroga fino a fine 2016, con un'incognita per il futuro.
Il Pigneto, quartiere che sta subendo problemi di vivibilità a causa dello spaccio di droghe, non può vedere annullare una realtà che lotta per ridurre stupri e violenze sulle donne poche settimane dopo la giornata internazionale dedicata al tema e all'evento proposto al cinema L'Aquila per sensibilizzare non solo il mondo femminile ma anche (e forse servirebbe ancor di più) quello maschile.

Violenza di genere, le promesse del sindaco


Questo è quanto ha promesso Virginia Raggi contro la violenza sulle donne:
"A partire da oggi nella Sala delle Bandiere, dove mi riunisco con i miei assessori, ci sarà una sedia vuota dedicata a tutte le donne vittime di violenza. Abbiamo inoltre approvato una memoria per la prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne, la violenza domestica, gli stereotipi di genere ed ogni forma di discriminazione. Tra le misure che adotteremo: un bilancio di genere per il raggiungimento delle pari opportunità, un codice di condotta contro la pubblicità discriminatoria, una app pensata per rendere più accessibili le informazioni di cui una donna può aver bisogno durante la vita quotidiana, l’introduzione di una tariffa rosa per il car sharing, iniziative di sensibilizzazione nelle scuole e l’introduzione del tema violenza e discriminazione di genere nel piano sociale cittadino".

24 novembre 2016

Pigneto e V Municipio contro la violenza sulle donne. L'evento della giornata Onu

Anche il V Municipio vuole ricordare la Giornata internazionae contro la violenza sulle donne, voluta dall'Onu e che ricorre il 25 novembre.

Al quartiere Pigneto nel Municipio Cinque ci sarà, il 25 novembre, la giornata "Se uccide non è amore": sarà il Nuovo cinema L'Auila a ospitare l'evento. La mattina saranno presenti gli studenti mentre il pomeriggio sarà accolto dalla presenza di psichiaatri, artisti e rappresentanti delle associazioni e dei centri ativiolenza.

La giornata, con il patrocinio del Municipio V, è organizzata con Festarte, La scuola che verrà, associazione Amore e Psiche, la Coop psicoterapia medica e il settimanale Left.

Immagine tratta dal blog https://nonunadimeno.wordpress.com/ che organizza la manifestazione del 26

"Non accettiamo più che la violenza condannata a parole venga più che tollerata nei fatti. Non c’è nessuno stato d’eccezione o di emergenza: il femminicidio è solo l’estrema conseguenza della cultura che lo alimenta e lo giustifica", così scrivono sull'evento Facebook "NON UNA DI MENO! Manifestazione nazionale il 26 novembre a Roma". Maggiori info su nonunadimeno.wordpress.com



Il 27 invece, dalle ore 10, ci sarà un'assemblea con la stesura di un piano femminista contro la violenza di genere, durante la quale verranno creati otto tavoli tematici e di lavoro collettivo. I tavoli a tema sono:
1. La narrazione della violenza attraverso i media: come immaginarne un ribaltamento
2. Educazione alle differenze, all’affettività e alla sessualità: la formazione come strumento di prevenzione e contrasto alla violenza di genere
3. Diritto alla salute, libertà di scelta, autodeterminazione in ambito sessuale e riproduttivo
4. Piano legislativo e giuridico
5. Percorsi di fuoriuscita dalla violenza e processi di autonomia
6. Femminismo migrante
7. Lavoro e accesso al welfare
8. Sessismo nei movimenti

Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione contro la violenza sulle donne a Pigneto

Gli autobus 543 e 548 nel V Municipio avranno una riduzione di corse

L'Atac continua a navigare in brutte acque e pare ci siano nuove riduzioni di corse su alcune linee anche nel V Municipio 5.

Stiamo parlando dei bus 543 e 548, entrambe linee importanti per alcuni quartieri di Roma. L'autobus 543 Atac parte dal capolinea Gardenie, prossimità della fermata metro C e, attraversando Centocelle, prosegue su viale Togliatti per entrare a Tor Sapienza, La Rustica fino a via Vertunni dove si raggiunge la linea Fl2 del treno regionale alla fermata La Rustica.

 Il 548 invece parte da Subaugusta (metro A), segue la Togliatti per arrivare davanti la fermata Parco di Centocelle della metro C, entra a Centocelle, prosegue per via della Serenissima, raggiunge la metro B a Monti Tiburtini, l'ospedale Sandro Pertini e fa capolinea alla stazione Tiburtina lato posteriore, a piazzale Est. Una linea, questa, che permette a chi abita nelle zone limitrofe a Centocelle di arrivare alla stazione dei treni con un solo autobus e che andrebbe potenziata, visto che da Tiburtina partono anche i treni Frecciarossa e Italo.


Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sul trasporto pubblico del Quinto Municipio di Roma

23 novembre 2016

Cassonetto dell'umido ribaltato a Centocelle, V Municipio

Un secchione della raccolta differenziata dell'umido si ritrova sdraiato, non si sa se stanco o ubriaco (speriamo non si sia sentito male) a via dei Glicini altezza angolo via dei Castani a Centocelle, Municipio V di Roma.

Battute a parte, non è chiaro se si sia ribaltato perché qualche "buontempone" non sapeva come divertirsi oppure se il camion dell'Ama abbia avuto dei problemi nella fase di alzamento/abbassamento del cassonetto. Il che sarebbe una buona notizia, significa che in alcune zone la differenziata dell'umido è funzionante e efficace (questa estate era nato un piccolo giallo sul tema non ancora risolto).

Se avremo ulteriori notizie riferiremo adeguatamente.

Aggiornamento 26 novembre: ci scrivono che è da settimane che quel cassonetto è adagiato per terra, una situazione di abbandono che, se fosse confermato, sarebbe da eliminare al più presto da Ama.

Secchione a Centocelle. Il cassonetto si è ribaltato tra via dei Glicini e via dei Castani. Foto © NotizieVmunicipio

Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sui rifiuti e sul quartiere Centocelle del Municipio V di Roma

Referendum costituzionale, alla sede Atac Prenestina si parlerà di con politici e professori


Atac, sala del dopolavoro di via Prenestina 41c nel V Municipio 5, incontro per discutere del referendum costituzionale con l'evento "Una scelta consapevole". 

Scrive l'associazione "Idee in movimento" che si concentra sul trasporto pubblico: "Mercoledì 23 ore 16.30 cerchiamo d capire qualcosa di più su cosa votare al refetendum.
Da Sinistra Italiana, passando per il PD, M5S e Fratelli d'Italia discutiamo con politici, professori universitari e giuristi approfondendo alcuni punti chiave".




Parteciperanno Marco Causi, deputato del Pd, Francesca Izzo docente Università orientale di Napoli, Marino Lizza del comitato Basta un Sì; Fabio Rampelli deputato di Fratelli d'Italia per il comitato No Grazie; l'ex ministro Fabio Mussi  e il costituzionalista Antonello Ciervo per Io voto No.


Un altro evento sul referendum sarà a Centocelle con altri parlamentari.

22 novembre 2016

Parco Alessandrino-Tor Tre Teste, partito cantiere dell'area Coni, critiche dal Wwf

Sono cominciati i lavori del Coni al parco Palatucci tra Tor Tre Teste, Quarticciolo e quartiere Alessandrino. Cantieri celeri per dei lavori che inizialmente erano collegati alla candidatura, poi ritirata, di Roma alle Olimpiadi.
Aggiornamento 23 novembre: dopo che i cittadini si sono mobilitati, con alcuni disposti a fare raccolte firme e proteste, sembra che i lavori siano stati bloccati. "Ciao, mi informano che dovrebbero essere stati bloccati i lavori dalla Soprintendenza. Un piccolo passo per salvare il nostro parco. Spero sia una vittoria definitiva. Complimenti a tutti!!!" scrive un utente del gruppo per la difesa del parco. Si aggiungono altre voci: "Stamattina...prima di andare al lavoro, esco per un brevissimo sguardo (visto che alle sette e mezza hanno pensato bene di darci la sveglia col puzzo e rumore dei motori) quando mi sono affacciata con telefonino in mano pronta a filmare, vedo un operaio intento in conversazione telefonica e un attimo dopo comincia a far cenni alla scavatrice di fermarsi...a quel punto si sono riuniti in un punto e dopo un pò anche la scavatrice si è messa da parte....dentro di me mi chiedevo cosa fosse successo...e speravo quello che hai appena scritto!" Infine qualcuno afferma di essersi attivato e forse potrebbe essere stato lui a far fermare, almeno temporaneamente i cantieri: "Prima che iniziavano i lavori un giorno prima erano venuti a prendere le misure. Allora mi sono messo in contatto con il comune già da prima che arrivasse il primo camion. Non so se però sarà una decisioni definitiva ma solo una tregua".
Aggiornamento 24 novembre: Ci sarà una riunione del Coordinamento popolare per la difesa del parco venerdì 25 novembre alle 20 al CIP Alessandrino, a cui parteciperanno anche l'ex consigliere municipale David Di Cosmo e il Wwf Pigneto-Prenestin. Tra le varie si insisterà nel non fare il centro sportivo o eventualmente spostarlo dal vallone all'area di tombamento della strada-sottopasso alla Tenuta della Mistica.
Aggiornamento 25 novembre: riporta Abitare a Roma che i lavori sarebbero iniziati senza avvertire la Soprintendenza, che in passato si è occupata di tutelare il parco.

Un altro ampio impianto che erode un'altro pezzo di parco Giovanni Palatucci. "Riteniamo che l'individuazione di 3500 mq circa per la realizzazione di impianti sportivi e infrastrutture stabili a scapito del verde pubblico, in una delle zone più pregevoli del Parco sia dal punto di vista ambientale che sociale un vero e proprio scempio!" Scrivono associazioni, comitati, centri culturali e sportivi, assieme ad alcuni cittadini riuniti nel Coordinamento popolare per la difesa del parco Alessandrino, in una lettera indirizzata al sindaco di Roma, all'assessore all'Urbanistica, all'assessore all'Ambiente, al presidente del V Municipio, al presidente del Consiglio municipale del Municipio 5 e al Coni. (aggiornamento 22 novembre).

L'area sport del Coni al parco Alessandrino. Foto di Eve Lina


"Ciao vallone...quanti ricordi!!!" Scrive su Facebook Marco appena saputa la notizia. Infatti i lavori sono eseguiti nell'avvallamento vicino il centro sportivo con campo di calcio e calcetto.

Il parco di Tor tre teste-Alessandrino ha già patito un'amputazione per la creazione di via Prenestina Bis, ha rischiato un'invasione di cemento lato via delle Nespole all'Alessandrino.

Inoltre il parco ospita, oltre al già citato impianto sportivo, un'area ludica e giochi lato Quarticciolo, il campo da rugby con pista di atletica.

 "Abbiamo appreso da alcuni residenti di Tor Tre Teste che nei giorni scorsi si è tenuta una riunione presso la sede del Dipartimento Tutela Ambientale - scrive sul suo blog il Wwf Pigneto Prenestino del V Municipio - funzionale alla consegna temporanea dell’area interessata ai lavori per la realizzazione di un impianto sportivo del Coni all’interno del Parco di Tor Tre Teste/Alessandrino.
Come abbiamo già espresso nel nostro comunicato del 22 luglio scorso, il WWF Lazio – Gruppo Attivo Pigneto-Prenestino esprime la propria contrarietà a questo progetto, che va ad alterare un’area integra e naturalisticamente significativa del parco".

Foto dell'inizio dei lavori al vallone del parco Palatucci. Foto di Eve Lina
Ora il parco si appresta a diventare un hub sportivo, sperando che questi soldi siano spesi bene e che a qualcuno non vengano altre idee a scapito del verde anziché riqualificare aree degradate.

Intanto qualcuno si è prodigato nel far nascere un gruppo Facebook a difesa del parco Palatucci di Tor tre teste e Alessandrino.

Anche perché il cosiddetto vallone era un'area utilizzata per stendersi a prendere il sole, leggere un libro, fare un pic nic o una partita di calcio tra amici. Tutte cose che rimarranno solo un ricordo, come dice Marco.

21 novembre 2016

Prodotti sfusi e coppette mestruali: Settimana europea della riduzione rifiuti 2016 di Legambiente V Municipio

A Villa de Sanctis/Centocelle Legambiente V Municipio vi darà informazioni utili in occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti (Serr) 2016

Nella sede di via Oberdan Petrini 11 - (entrata anche a via Alceste Trionfi 29) del circolo Città futura di Legambiente un evento mercoledì 23, nel mezzo della Serr 2016, molto utile per le donne: un pomeriggio di lezione su come utilizzare correttamente la coppetta mestruale anziché i classici assorbenti, poco amici dell'ambiente. Dalle ore 18:45 per chi è interessato.

Legambiente vuole anche promuovere l'acquisto di prodotti sfusi sul territorio, per questo i volontari stanno lavorando alla realizzazione di un opuscolo dove saranno segnalati i punti vendita (alcuni indicati in maniera partecipativa) e i negozi che vendono i prodotti sfusi e alla spina.

Sabato 26 un atto di civiltà: ricordare agli amanti dei cani che avere un animale costituisce un aumento di responsabilità: "Liberemo un tratto del nostro quartiere (via F. Ferraironi / via R. Balzani) dalle deiezioni canine ricordando ai loro padroni quanto ciò rappresenti un gesto di civiltà".

Purtroppo  alcune persone non capiscono il danno di decoro, di sporco e di difficoltà che possono produrre ai cittadini che si muovono per strada e sui marciapiedi, quindi l'azione di Legambiente è benvenuta e speriamo che si ripeta nel tempo con opere di sensibilizzazione per ridurre cacche animali per le strade dei quartieri del V Municipio in cui viviamo.

Qui l'evento Facebook in cui poter segnalare la presenza o per chiedere informazioni.

20 novembre 2016

Parco di Centocelle, la comunità del parco ci invita a curarlo e tenerlo pulito


Notizie dalla Comunità del Parco pubblico di Centocelle:

Vorremmo che la bellezza del Parco Archeologico di Centocelle fosse conosciuta e vissuta!

tramonto parco centocelle roma
Tramonto a parco archeologico di Centocelle. Foto di Comunità parco pubblico Centocelle.

Contempliamo gli arcobaleni ma allo stesso tempo segnaliamo i disservizi con il documento di richiesta di riattivazione delle fontanelle a Parco di Centocelle, sia per le persone che lo frequentano sia per permettere ai volontari di annaffiare le piante e curare alcune aree del parco.

Al fine di aumentare gli accessi ciclo-pedonali al Parco, al momento pedonale ce n'è solo uno e con le scale, i volontari della Comunità per il Parco Pubblico di Centocelle, hanno iniziato i lavori per la bonifica del sentiero che accede al Parco dal lato dell'ex-distributore Agip, su Via Casilina. Il sentiero sfrutta un varco nella cancellata che si presta ad essere mantenuto.

Facciamo appello a tutti i cittadini che vorrebbero entrare nel Parco a piedi e in bici in sicurezza, alle associazioni locali, ai gruppi Retake per aiutarci nel creare un evento volto al recupero dell'area e alla sua riqualificazione!

L'Osteria di Centocelle, monumento di epoca imperiale che insiste nel Parco Archeologico di Centocelle, non merita questo!

Agli organi competenti, Soprintendenza, abbiamo offerto anche la ns. collaborazione nella bonifica della discarica che insiste ormai nell'area pur di veder recuperato un pezzo di storia del Parco, forse sconosciuto a molti. Speriamo di venire ascoltati.

L'articolo 31 della Convenzione sui diritti dell'infanzia, emanata dall'Onu il 20 novembre 1989 sancisce il diritto al gioco. Vogliamo i giochi pubblici nel Parco Archeologico di Centocelle e in generale in tutte le aree urbane e verdi della città! Non occorrono mega strutture, ma semplici aree attrezzate rispettose dei luoghi, specie nei parchi soggetti a vincoli paesaggistici, e puntare il più possibile su scelte partecipate con la Collettività che ne dovrà usufruire.



In collaborazione con Alessandra Noce

Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sul quartiere Centocelle e i parchi pubblici del Quinto Municipio di Roma

19 novembre 2016

Raccolta straordinaria rifiuti ingombranti V Municipio domenica 20 novembre

Il Municipio 5 ha un appuntamento straordinario per la raccolta dei rifiuti: domenica 20 novembre dalle 8 alle 13 ci si potrà liberare (senza abbandonarli per strada come fa qualcuno) degli ingombranti in tutta la città. Anche nel V Municipio prosegue la campagna "Il tuo quartiere non è una discarica", organizzata da Ama in collaborazione con il TGR Lazio.

Di quali rifiuti ti puoi liberare nel V Municipio e a Roma il 20 novembre 2016


Mobili, sedie, divani, materassi e scaffali. Ma pure computer, televisori, stampanti, telefonini, frigoriferi, lavatrici, condizionatori e altro ancora. Tutto quello che, insomma, è ingombrante, ma anche tutto quanto è composto di materiali che necessitano di particolari procedure di smaltimento, come appunto le apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Dove puoi lasciare la tua vecchia bicicletta  e le vernici nel Municipio Cinque


A via Francesco Tovaglieri (per quanto riguarda il Municipio Cinque) è possibile lasciare anche le vecchie bici che non vanno più, o quello che ne è rimasto in fondo alle cantine. Ci pensano i Ciclonauti, membri dell’associazione culturale che si impegna a recuperarle o a riciclarle. Quelle rimesse a nuovo torneranno alla cittadinanza durante iniziative ludico-culturali o di beneficenza.

È possibile smaltire anche vernici e solventi a via Teano nel Quinto Municipio, viale Palmiro Togliatti nel VII e  Ponte Mammolo nel IV, in più l' ecostazione via Ambrogio Necchi che si trova al parcheggio della stazione Grotte Celoni.

L’appuntamento rientra anche nelle iniziative di sensibilizzazione previste nell’ambito della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti.

Indirizzi:
Via Francesco Tovaglieri - area parcheggio fronte civico 201
Via Teano, 38 - Largo Preneste

Viale Palmiro Togliatti, 69 - Cinecittà Due
Ponte Mammolo - parcheggio Metro B
Via Ambrogio Necchi - area parcheggio Stazione Grotte Celoni

Gli altri punti di raccolta sono consultabili sul file pdf del sit di Ama.

Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione che vuole quartieri e non discariche di rifiuti

Weekend con stop e deviazioni di tram e bus a Roma nel V municipio

Cortei, eventi e problemi hanno causato e causeranno nel V Municipio 5 blocchi di linee, deviazioni di bus e sostituzioni di tram con autobus.
Tram 3, fa intersezione a Porta Maggiore con i tram 5-14 e bus 50. Foto di Sergio D’Afflitto
 con licenza Creative Commons CC-BY-SA-3.0

Trasporto pubblico V Municipio: i disagi nel fine settimana 19-20 novembre 2016

Sabato, fino alle 13, per l'abbattimento di un albero in viale Rossini, i tram delle linee 3 e 19 circolano su vetture bus sostitutive.
Dalle 15 alle 18, a causa di un corteo da piazza Lodi a via Prenestina, che percorre via Gallarate, via Mariano da Sarno, via e piazza del Pigneto, sono possibili deviazioni o brevi stop per le linee autobus.

Nella giornata di domenica, a causa di lavori in piazza Caballini, da inizio a fine servizio, i tram delle linee 5, tra piazza dei Gerani e Termini, e 14, tra viale Togliatti e Termini, sono sostituiti da bus. Parziale sostituzione su gomma anche per il tram 19, tra piazza dei Gerani e Porta Maggiore.

Fonte: Comune di Roma.

18 novembre 2016

Pulizia Parco Sangalli: i cittadini si attivano a Tor Pignattara (quartiere V municipio)

Pulizie a Parco Giordano Sangalli dei cittadini di Tor Pignattara. Dopo gli abitanti di Centocelle a piazza San Felice da Cantalice (leggi articolo), anche al parco dove passa l'Acquedotto Alessandrino si rimboccano le maniche per essere cittadini attivi e allontanare il degrado.

Foto dalla pagina Facebook https://www.facebook.com/events/718279778327813/
Scrivono sulla pagina dell'evento: "Il parco ha nuovamente bisogno di noi. In attesa che si definisca chi lo gestirà in futuro e quali attività ospiterà, necessita di un nuovo intervento di pulizia, quella accurata e tenera che solo noi Cittadini attivi di Torpignittara gli possiamo al momento, garantire. Vi aspettiamo domenica 20 novembre dalle ore 10,00 alle 13,00 circa, al solito posto con sacchi, scope e guanti. Chiederemo ad Ama il supporto meccanico per lo smaltimento dei rifiuti. Accorrete numerosi....grazie".

Il comitato di quartiere di Torpignattara ha dedicato tanto impegno negli anni per rendere migliore l'area e per farla apprezzare a chi vive il quartiere ma ha ricevuto un supporto limitato rispetto agli sforzi. Addirittura un progetto di inclusione sociale e allontamento dalla povertà in cambio di pulizia del parco Sangalli con fondi di Fondazioni Private erogati tramite il bando del CESV Socialmente 2.0. Altri progetti come il mercatino con tanti prodotti a km zero sono andati avanti ma successivamente chiusi per la fine dei fondi preposti.

17 novembre 2016

Quartiere Alessandrino: il Cip Ciliegie tra mercato e laboratori fa festa a novembre

Il quartiere Alessandrino nel V Municipio di Roma avrà una giornata di eventi il 20 novembre al Cip Alessandrino, tra il mercato e la scuola delle arti popolari.

Come hanno avvisato su Facebook, dove potete segnalare la vostra presenza, il programma è ancora in aggiornamento ma dalle ore 9 dovrebbe aprire il mercato con tanti prodotti: uova e verdure fresche, pane, formaggi, carni, biscotti, olio, vino, miele solo tra i vari.
 
Il mercato popolare del Cip Alessandrino di via delle Ciliegie 42


Tutto venduto direttamente dai produttori
. "Vogliamo dare corpo ad uno spazio fatto di festa solidale libera da mercificazioni e alla portata di tutti" scrivono i ragazzi del Cip Alessandrino di via delle Ciliegie, "un luogo di partecipazione attiva alla vita del quartiere, consumo critico e produzioni sostenibili, confronto tra produttori e consumatori". Ci sono anche alcuni laboratori, in questo caso sono gratuiti e offerti dagli insegnanti della Scuola Popolare delle Arti del Cip.

Programma della giornata ( in aggiornamento...)
  • ore 9.00 apertura mercato
  • ore 10.30 laboratorio sulla cosmesi naturale
  • ''Prepariamo un deodorante roll-on''
  • ore 11.00 laboratorio creativo per piccini
  • ore 11.30 laboratorio di teatro ''Giochiamo con le maschere'a cura di Linfateatro
  • (Il laboratorio teatrale sarà incentrato sui giochi con le maschere, portate una maschera di qualsiasi tipo)
  • ore 12.00 laboratorio di balfolk e danze francesi con musica dal vivo
  • ore 13.00 pranzo sociale
  • ore 15.00 assemblea produttori-consumatori
  • ore 16.00 intrattenimento con balfolk, danze francesi e musica dal vivo
In più nel Cip trovate: artigianato, la Ciclofficina delle ciliegie con spazio per riparazioni, angolo del baratto, concerti e laboratori per grandi e piccini, pranzo sociale, angolo pic-nic e barbecue a disposizione
 
Per ulteriori info:
via delle ciliegie 42 Roma
mercatopopolare@cipalessandrino.org


Ogni terza domenica del mese si può comunque andare al Cip Alessandrino per le varie attività a rotazione.

Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sul quartiere Alessandrino di Roma

16 novembre 2016

Marcia nazionale degli alberi 2016 a Centocelle V Municipio Roma e altri eventi a novembre

Marcia nazionale degli alberi 2016, a Roma nel quartiere Centocelle nel V Municipio il 27 novembre abbiamo visto alberi portati con affetto in spalla o tra le braccia, come fossero dei bambini da accudire, fino al Parco archeologico di Centocelle a Roma. All'evento per una festa dell'albero hanno partecipato comitati, gruppi di cittadini anche di altri quartieri e altre regioni, associazioni come Italia nostra, Legambiente, Lipu, Wwf (qui un articolo con interviste su LifeGate)

Marcia nazionale degli alberi 2016 a Centocelle a Roma e altri eventi nel V Municipio

Il V Municipio si prepara a festeggiare gli alberi a Centocelle e alla Casa della cultura di Villa de Sanctis dal 16 al 20 novembre ma non solo, alcuni eventi già svolti e altri ancora pronti per essere partecipati. Vediamo quali sono queste iniziative che riscoprono il valore degli alberi in una città che era ricca di verde ma che lentamente sta perdento il patrimonio arboreo.
Un alberello piantato dal Wwf  Pigneto Prenestino nel V Municipio Cinque di Roma

Festa degli alberi 2016, l'iniziativa di Legambiente fino al 20 novembre

In occasione della campagna #salvailsuolo, il circolo Legambiente “Città Futura” illustrerà, attraverso le foto raccolte anche grazie a soci e simpatizzanti, il consumo di suolo sul nostro territorio a discapito del verde urbano.

Ci sarà anche una raccolta firme per chiedere che il suolo divenga patrimonio comune europeo, una legge europea per la tutela della terra contro il cemento e la perdita di biodiversità.

Mercoledì 16 è il giorno scelto per piantare simbolicamente un albero al parco Archeologico di Centocelle per creare attenzione su questa area di verde isolata e degradata.

Festa degli alberi, la mostra fotografica


Venerdì 18 pomeriggio dedicato alla Festa dell'albero con proiezione di un film a tema fotografico;
Sabato 19 dalle 14 e 30 workshop sul "Ritratto ambientato";
Domenica 20 incontro sul tema "A fianco della biodiversità" con brindisi finale.

Festa dell'albero (20 novembre) anche al Parco delle Energie (ex Snia)

Scrivono sul blog "Lago ex Snia": "il Parco delle Energie è minacciato dalla nuova speculazione di Camelia Immobiliare e il Lago, liberato dalla collettività e fruibile tutti i giorni dal 25 aprile grazie all’auto-finanziamento, ancora attende il concludersi dell’iter per diventare Monumento Naturale che metterebbe a riparo dalla cementificazione l’ecosistema lacustre e il patrimonio storico e architettonico della vecchia fabbrica della Snia".

Cosa hanno fatto i comitati a Centocelle e il Wwf al parco delle Energie


Anche a ottobre  ci sono state iniziative dedicate agli alberi. La Comunità per il Parco Pubblico di Centocelle aveva provveduto alla piantumazione di un leccio in occasione della passeggiata al Parco organizzata da Ecomuseo in collaborazinone con il Wwf, assieme a Comitati di Quartiere Cdq Centocelle Storica Roma e di Torre Spaccata, 100 e a Capo, G.s.cicli caldaro, Azzurra. Anche il Wwf del V Municipio Pigneto-Prenestino (che ha partecipato con foto naturalistiche alla mostra a Villa de Sanctis) ha piantato due alberelli al parco archeologico di Centocelle, un melograno e un olmo. Mentre per la mattina di domenica 13 novembre 2016 gli attivisti insieme ai volontari che curano la manutenzione del Parco delle Energie ex Snia, hanno piantumato un piccolo arancio selvatico all'interno dell'area giochi e un piccolo melograno in prossimità della stessa. Gli alberi, soprattutto in città, svolgono un ruolo molto utile, in quanto assorbono le polveri sottili responsabili dell'inquinamento atmosferico e di varie patologie

La marcia degli alberi di novembre a Centocelle


Dalle 10 alle 14 del 27 novembre il quaratiere Centocelle del Quinto Municipio di Roma parteciperà alla quinta Marcia nazionale degli alberi. Si parte da Piazza San Felice da Cantalice, recentemente pulita da alcuni abitanti del quartiere e si marcerà fino al Parco di Centocelle. Si passerà per piazza dei Mirti, via dei Platani, piazza delle Primule, viale della Primavera e da via Casilina si entrerà nel parco.

Ogni partecipante sarà un "fitoforo", ovvero un portatore di alberi. Si ripropone, come nelle precedenti edizioni, l'immagine della "Foresta che cammina" grazie al contributo di volontari, comitati, associazioni ambientaliste e movimenti ecologisti e di tutela.
I Fitofori porteranno in spalla, in uno zainetto, un giovanissimo alberello in una passeggiata lungo le strade del quartiere di Centocelle per poi raggiungere il suo Parco.

Chi vuole partecipare come "fitoforo" deve munirsi di uno zainetto in cui collocare il piccolo vaso con la pianta o l'alberello che porta con sé; se non ne ha, può comunicarlo agli organizzatori che provvedono anche a portare delle pianticelle in più. La piantagione è collettiva. Alla fine della marcia sarà fatta una selezione degli alberi che sarà possibile piantare secondo le indicazioni pervenute dalla Soprintendenza Archeologica di Roma.
Alla piantumazione seguono pranzo al sacco, attività ludiche come volo di aeromodelli e di aquiloni, gite in bicicletta nel parco e castagnata.



Notizie V Municipio, il giornale-blog di informazione sulla marcia degli alberi e sul verde dei quartieri Centocelle, Pigneto e Villa de Sanctis di Roma

15 novembre 2016

Fumo al Prenestino Labicano: non è il primo incendio ci raccontano

Fumo nero nel pomeriggio del 14 novembre al Prenestino Labicano, zona Tor Pignattara V Municipio 5, all'incrocio tra via Antonio Tempesta e via Perestrello (mappa).

Incendio al Prenestino Labicano, foto di Cristina Campisi

Qualcuno su Facebook parla di un "cantiere della vergogna" facendo riferimento a una ditta che sta realizzando un cantiere anche nella vicina via Giovannoli, ora bisogna capire se c'è qualche responsabilità di quache azienda. Sarebbe già la seconda volta che via Perestrello vede fumo, ci raccontano che la prima volta ci furono addirittura fiamme di venti metri.

Dopo l'arrivo dei pompieri si sarebbero sentiti quattro forti boati all'interno dell'area interessata.

Foto di Antonella Savina
 C'è chi ha pubblicato delle foto con del materiale all'aperto. Quando abbiamo chiesto cosa stesse bruciano la risposta è stata: "Ci sono materazzi, coperte, plastiche varie, documenti con diversi dati sensibili visto che erano cartelle di analisi cliniche, poi vediamo....mobili, ci sono bombole ( infatti boati), poltrone, l'ultima volta c'era amianto....buona salute a tutti!!!".

Ora si spera che vengano individuate le responsabilità e si faccia in modo che non si ripetano queste situazioni di rischio per la salute delle persone.

14 novembre 2016

Karawan Fest 2016, il "cinema di quartiere" a Tor Pignattara/Villa De Sanctis

Cinema etnico a Villa De Sanctis - Tor pignattara al V Municipio 5 di Roma con Karawan Fest, giunto nel 2016 alla sua quinta edizione.

"Ecco, finalmente ci siamo. Oggi comincia il #KarawanFest. Ci vediamo alle 19.00 per all'opening della mostra "Il sole non cade mai, ma è l'uomo che si allontana", il percorso fotografico curato da Mohamed Keita e realizzato in collaborazione con #CivicoZero. E poi alle 19.30 #KarawanBistrot, alle 20.30 il film d'apertura, #UnlikelyHeroes di Peter Luisi. E, per finire, alle 22.30 #Solino di Fatih Akin, il primo film della sezione "Making Heimat. Goethe Institut-Rom meets Tor Pignattara". Non prendete impegni, vi aspettiamo alla Casa della Cultura di Villa De Sanctis in Via Casilina 665.
Il programma completo lo trovate qui: http://bit.ly/2f9c6mR " Scrivono dall'organizzazione del festival.

Locandina del Karawan Fest 2016 nel V Municipio


"Siamo convinti che il sorriso sia il terreno naturale d'incontro fra le diverse culture del mondo, il luogo ideale in cui scompaiono le differenze e ci si riscopre umani" è quanto vogliono comunicare.

KarawanFest è il primo e finora unico evento cinematografico in Italia che tratta i temi dell'integrazione e incontro/scontro tra culture con ironia e un pizzico di leggerezza.


Karawan Fest al V Municipio (Villa De sanctis Tor Pignattara): quando e dove


Dal 24 al 27 novembre tanti film alla Casa della Cultura di Villa De Sanctis, vicino Torpignattara. Sarà l’edizione più femminile di sempre, dedicata interamente a storie di donne: rapper afgane, aviatrici ghanesi, vignettiste tunisine, pittrici cinesi, donne che ad ogni latitudine del mondo hanno deciso di essere protagoniste delle loro vite, e che in qualche modo hanno compiuto piccole o grandi rivoluzioni.


Come nasce Karawan Fest


"Ci siamo inventati Karawan nel 2012 come espressione del vissuto di uno dei quartieri più melting pot d’Europa: Tor Pignattara, a Roma".

Karawan è innanzitutto una festa: una rassegna di commedie e documentari da tutto il mondo, il cui primo obiettivo è quello di sovvertire stereotipi e luoghi comuni che creano barriere tra le persone e abbattere la diffidenza verso l’altro con il sorriso

Obiettivo è anche la riappropriazione di spazi pubblici: "in  un quartiere in cui non ci sono cinema, biblioteche, teatri, abbiamo deciso di trasformare l’intero quartiere in una location per le proiezioni e coinvolgere i cittadini e le comunità del territorio per recuperare la dimensione popolare, di festa, propria dell’evento cinema di un tempo". Karawan Fest è sostenuto anche dall'attore Alessandro Borghi:

Karawan Fest: il crowdfunding


L'obiettivo di raccogliete 1500 euro è stato raggiunto ma il crowdfunding va avanti. "Abbiamo raggiunto l’obiettivo del nostro #crowdfunding! Ce l’abbiamo fatta. Ce l’avete fatta. 66 produttori hanno reso possibile il nostro piccolo grande sogno.
Da oggi possiamo coprire tutti i costi vivi del festival e fornire un giusto compenso ai professionisti che sta lavorando con noi.
Abbiamo deciso, però, di non chiudere la pagina della raccolta fondi, che terremo aperta fino all'inizio del festival per consentirvi di continuare a contribuire. A cosa serviranno i fondi aggiuntivi?
Beh, tantissime cose! Ci consentiranno di allestire la mostra Takoua Ben Mohamed, di organizzare eventi extra (come lo vedete un’ultimo spettacolo after midnight?), di invitare altri ospiti ai nostri incontri e di migliorare l’offerta del nostro bistrot". Questo è quanto scritto su Facebook dagli organizzatori.



Ma perché finanziare il Karawan Festival? 


Lo scrivono direttamente sulla pagina del crowdfunding:
Karawan è un progetto autofinanziato. Dietro la proiezione di ogni singolo film ci sono diversi costi tecnici, e diverse persone che lavorano, dai sottotitoli alle spese per ottenere la liberatoria per la proiezione, alla SIAE.
In questi mesi abbiamo raccolto parte dei fondi ma abbiamo bisogno del vostro aiuto per coprire tutti i costi.

Con i fondi raccolti, quindi, intendiamo prima di tutto:

  •     completare il pagamento delle quote di noleggio ai distributori dei film (screening fees)
  •     garantire adeguato compenso al tecnico proiezionista
  •     pagare i sottotitoli in Italiano di tutti i film per renderli più fruibili
  •     noleggiare l’attrezzatura tecnica per le proiezioni (ricordatevi che a Tor PIgnattara non c’è una sala cinematografica, dobbiamo allestirla noi!)
    
Quest'anno vorrebbero ampliare l'offerta culturale con eventi speciali, ospitare artisti, autori, addetti ai lavori per un percorso di scambio e condivisione con il pubblico. I fondi eccedenti l'obiettivo saranno destinati proprio all'organizzazione di questi eventi extra, in particolare per le spese di stampa e allestimento di una mostra delle opere di Takoua Ben Mohamed, giovanissima disegnatrice di origini tunisine che da anni vive in Italia e combatte la diffidenza con l’ironia.

La storia di Karawan Festival in numeri


64 film  |  142 ore totali di proiezione  |  12 concerti  |  984 metri di cavi elettrici srotolati  |  12 incontri enogastronomici interculturali  |  78 kg di popcorn mangiati durante le proiezioni  |  10 proiezioni sotto le stelle  |  1 schermo che cammina | oltre 4.000 spettatori

KarawanFest è stato selezionato per la sezione cinema tra i 100 progetti del volumeLazioCreativo 2016, una mappatura dei progetti più creativi della Regione Lazio.


Notizie V Municipio, il giornale-blog che fa anche informazione culturale sui quartieri Tor Pignattara e Villa de Sanctis